Bracconieri nei boschi Ancora due denunce
I due cacciatori di frodo denunciati sparavano ai cinghiali al Campo dei Fiori tra Orino, Brinzio e Varese

Bracconieri nei boschi
Ancora due denunce

Con fucili di precisione cacciavano cinghiali al Campo dei Fiori. Fenomeno in crescita: dal 2008 sono 70 le doppiette finite nei guai

ORINO - Caccia illegale al cinghiale: denunciati due bracconieri.«Tolleranza zero per chi non rispetta le norme creando un pericolo per sé e per gli altri», spiega il consigliere provinciale delegato Fabrizio Mirabelli. «Il fenomeno del bracconaggio è purtroppo molto presente – aggiunge Mirabelli – Con il piano anti bracconaggio presentato ad aprile la Provincia di Varese ha voluto dare un segnale forte». L’operazione è stata portata a termine dagli agenti della sezione faunistica della polizia provinciale. Gli inquirenti erano impegnati in un pattugliamento mirato a contrastare il fenomeno nel vasto territorio del Parco Campo dei Fiori, nell’area che si allarga tra i territori comunali di Orino, Brinzio e Varese.
Alle 20.30 dell’altro ieri sera gli agenti hanno sorpreso i due bracconieri in flagranza di reato. La coppia di cacciatori di frodo aveva meticolosamente costruito un riparo mimetizzato dentro il quale nascondersi per non essere visti dalle prede. Nella zona avevano preventivamente cibo mirato a far avvicinare i cinghiali affamati.
Insomma un’esca su vasta scala. Quando gli uomini della polizia provinciale li hanno sorpresi i due erano appostati armati di carabina di precisione in modo da essere precisi nell’abbattimento delle prede. «Non solo – spiega Mirabelli – Le carabine erano munite di silenziatore, attrezzo estremamente pericoloso e assolutamente vietato dalle vigenti normative». Per i due è scattata la denuncia penale per bracconaggio. Gli agenti hanno poi perquisito le loro abitazioni per verificare che il possesso di armi fosse regolare. Anche qui sono state trovate delle anomalie per la detenzione di munizioni. Non solo gli uomini della polizia provinciale hanno anche trovato uccelli illegalmente detenuti da utilizzare come esce per la caccia e pericolose trappole artigianali il cui uso è assolutamente vietato.

Tutti gli approfondimenti su La Provincia di Varese in edicola sabato 9 maggio


© RIPRODUZIONE RISERVATA