Venerdì 18 Aprile 2014

C’è un “patto dei manganelli”

Varese e Bergamo con i vigili

Gli sfollagente sarebbero utili alla polizia locale in caso di aggressioni

Sicurezza nelle città, Varese sta con Bergamo: nasce la “pedemontana” dei manganelli. «Li abbiamo acquistati ma i nostri vigili devono lasciarli nei cassetti» denuncia l’assessore alla Sicurezza Carlo Piatti, che si “accoda” idealmente alla delegazione capitanata dal sindaco di Bergamo Franco Tentorio che ieri ha incontrato il ministro degli interni Angelino Alfano al Viminale.

Intanto dal numero due del governo è arrivata una buona notizia anche per la provincia di Varese. Riguarda Expo e le esigenze di rafforzamento della sicurezza già più volte segnalate dal governatore Roberto Maroni: «Abbiamo ottenuto la garanzia assoluta che per le forze dell’ordine non ci sarà nessuna riduzione di organico nemmeno in occasione di Expo - sottolinea il sindaco di Bergamo Franco Tentorio - anzi, ci saranno 2.600 nuove assunzioni, che verranno ripartite secondo le esigenze oggettive dei territori».

Tra le richieste portate ad Alfano dalla delegazione di sindaci della provincia di Bergamo, legate alle emergenze specifiche del loro territorio, ce ne sono almeno un altro paio che potrebbero interessare da vicino anche i nostri sindaci. La prima è la possibilità di sforare il patto di stabilità per le spese relative alla sicurezza (i tagli ai bilanci comunali stanno mettendo in crisi gli investimenti sul settore), la seconda è l’opportunità di dotare i comandi di polizia locale delle cosiddette “mazzette di segnalazione”, manganelli sfollagente ad alta visibilità catarifrangente.

© riproduzione riservata