Coniglio morto nel pozzo Valle  Ora l’acqua torna potabile
Revocato l’ordine di bollire l’acqua del rubinetto

Coniglio morto nel pozzo Valle

Ora l’acqua torna potabile

Risultati positivi dalle analisi effettuate dall’Asl: ora non è più indispensabile far bollire l’acqua per scopi alimentari

Revocata l’ordinanza di pre bollitura dell’acqua potabile che esce dai rubinetti delle case dei casoratesi. Ieri la bella notizia.

Non è più indispensabile far bollire l’acqua prima di utilizzarla per scopi alimentari. Le ultime analisi effettuate dall’Asl hanno dato i risultati sperati: i valori sono tornati nella norma.
L’emergenza acqua può dirsi risolta. «I batteri presenti sono pari a zero, tutto è tornato alla normalità, per fortuna», sintetizza il sindaco Dimitri Cassani che ha voluto vederci chiaro e andare a fondo della questione. Fino a pretendere un’ispezione del pozzo Valle, quello che dava sempre qualche valore sballato e parametri di potabilità dell’acqua non del tutto conformi. Tutto regolare, invece, per gli altri pozzi e addirittura per il bacino idrico dove confluiscono le acque di tutti i serbatoi, compreso il pozzo Valle.
Infatti, è stato proprio in quel pozzo che è stata trovata la carcassa di un coniglio selvatico, ormai in putrefazione. Come sia finita lì dentro rimane un mistero, tanto che il primo cittadino si è rivolto ai carabinieri per sporgere denuncia contro ignoti. «La botola di accesso al pozzo si apre soltanto dall’interno ed è stata trovata semiaperta, con gli spinotti “spia” scomparsi. Qualcuno evidentemente è entrato nel pozzo Valle per aprire quella botola», ritiene il sindaco. Mentre i carabinieri indagheranno sull’animale nel pozzo, l’acqua di Casorate torna potabile e bevibile dopo mesi di emergenza nel corso dei quali gli abitanti hanno dovuto farla bollire prima di usarla per lavare frutta e verdura, pulirsi i denti o semplicemente bere. Al di là del “giallo” un tantino inquietante, perlomeno è stato risolto il dilemma e i parametri della qualità dell’acqua sono rientrati nella norma.


© RIPRODUZIONE RISERVATA