Il cuore della comunità batte per Amatrice. In un lungo weekend di solidarietà

Il cuore della comunità batte per Amatrice. In un lungo weekend di solidarietà

Inizierà domani la manifestazione benefica a Lavena Ponte Tresa, per aiutare gli abitanti della città colpita dal tremendo sisma

Una manifestazione all’insegna della solidarietà quella in programma per il prossimo weekend a Lavena Ponte Tresa, un’iniziativa benefica per Amatrice, la città messa in ginocchio dal terremoto il 24 agosto 2016. È nato tutto per caso davanti ad una birra, quando un gruppo di amici in visita ai comuni colpiti dal sisma ha deciso di coinvolgere tutti coloro che nutrono il sentimento di solidarietà verso queste popolazioni, bussando alla porta alle Pro Loco della fascia di confine con la Svizzera, dalle associazioni ai gruppi di giovani, passando per l’amministrazione comunale che non ha esitato a patrocinare l’evento.

La manifestazione si svolgerà a partire da venerdì 15 settembre alle ore 19 con l’accoglienza della Pro Loco di Amatrice nella sala consiliare comunale, sabato invece il programma si aprirà con l’apertura degli stand gastronomici alle 10 in piazza Don Attilio Sangiorgio, giornata che andrà avanti fino a sera con un aperitivo alle 17.30 accompagnato da Dj Dome, per i più piccini invece ci sarà la baby dance alle 20, e dalle 22 in poi si ballerà sulle note dei Bassistinti, La Reunion Reggae e Latin Ska, serata che volgerà al termine con il dj set sempre firmato da Dj Dome. L’evento proseguirà domenica dalle 12 fino a sera, con musica, gastronomia e divertimento a farla da padrone.

La novità, sia per il sabato sia per la domenica al Bennet di Ponte Tresa, riguarda la possibilità di gustare la vera pasta all’Amatriciana, cucinata rigorosamente con la ricetta originale dalle sapienti mani dei componenti della Pro Loco di Amatrice, e per chi volesse saranno in vendita i kit per cucinare a regola d’arte un buon piatto di bucatini all’Amatriciana. «La solidarietà non ha confine – commenta il sindaco di Lavena Ponte Tresa Massimo Mastromarino – questa è un’iniziativa nata dal basso, fieri e orgogliosi di avere cittadini dal forte spirito solidale come Giuliana e Barbara, promotrici nonché organizzatrici di tutto ciò. Ancora una volta il paese risponde presente quando si è davanti ad una richiesta d’aiuto, dopo che le associazioni avevano già raccolto quasi 20 mila euro versati ai terremotati del centro Italia. Infine, voglio sottolineare come i vari artisti che allieteranno il weekend si esibiranno a titolo gratuito, perché a ripagarti in occasioni belle come queste sono l’unione e lo spirito di solidarietà, che inevitabilmente ti arricchiscono il cuore, per un momento che fa bene a stare bene».


© RIPRODUZIONE RISERVATA