Venerdì 11 Aprile 2014

Lega contro i quaranta profughi

«Vanno rispediti al mittente»

Ancora emergenza profughi: 480 persone sono state accolte (o lo saranno presto) in strutture Lombarde. Di queste 39 hanno già trovato assistenza in provincia di Varese tra Saronno, Gallarate e Marzio.

E la Lega Nord tuona rivolgendosi direttamente al prefetto Giorgio Zanzi:«Che il prefetto faccia il prefetto e li rispedisca al mittente» è l’affondo di Marco Pinti, segretario cittadino del Carroccio e fedelissimo del numero uno federale, Matteo Salvini. «Il prefetto deve agire dimostrando la propria autorità – aggiunge Pinti – Altrimenti dimostrerà di essere soltanto un passacarte».

Il commento si chiude in tono lapidario: «Li rispedisca al mittente – conclude Pinti – altrimenti ci arrabbiamo». La notizia è stata resa nota da poche ore e ha già suscitato la ferma apposizione ai nuovi arrivi dell’assessore regionale all’Immigrazione Simona Bordonali: «Si tratta di arrivi imposti dallo Stato e dalle prefetture senza il minimo coinvolgimento della Regione e degli enti locali. È assurdo che la Regione Lombardia sia venuta a conoscenza di una imposizione del genere attraverso fonti non istituzionali». Per il nostro territorio si tratta di una situazione «non più accettabile – aggiunge Matteo Bianchi, segretario provinciale della Lega Nord – Sul fronte amministrativo non abbiamo ancora avuto alcuna indicazione su come intervenire. Non abbiamo informazioni: abbiamo appreso la notizia poche ore fa dai nostri, giustamente preoccupati, consiglieri regionali».

© riproduzione riservata