Parla Paola Macchi: «Dopo trent’anni di attesa, finalmente c’è una luce»
I genitori di Lidia Macchi con una sua foto (Foto by Archivio)

Parla Paola Macchi: «Dopo trent’anni di attesa, finalmente c’è una luce»

Il commento della madre di Lidia, uccisa 29 anni fa a Cittiglio. «Quell’uomo? Non frequentava né mia figlia né la nostra casa» Il grazie alla procura di Milano

Paola Macchi, madre di Lidia, commenta così gli sviluppi nelle indagini sull’omicidio della figlia, uccisa con 29 coltellate il 7 gennaio del 1987 a Cittiglio: «Sono trent’anni che aspettiamo. Finalmente si fa luce su quanto accaduto. La procura di Milano ha agito in silenzio, ma ha lavorato sodo». A proposito dell’uomo arrestato questa mattina, il 47enne di Brebbia Stefano Binda, Paola Macchi ha detto di averlo visto raramente e che non frequentava né la figlia né la loro casa.

TUTTI GLI APPROFONDIMENTI:
- Omicidio Lidia Macchi, c’è un arresto.
- Il testo della lettera.
- Le dichiarazioni del legale della famiglia Macchi, Daniele Pizzi, che ha dato nuovo impulso alle indagini.


© RIPRODUZIONE RISERVATA