Sconti: benzina batte gasolio  La verde dà più soddisfazioni
Sono tanti i varesini che ieri hanno approfittato degli sconti

Sconti: benzina batte gasolio

La verde dà più soddisfazioni

Sono ripartiti i ribassi dopo lo stop da caro-franco. E si è visto. Code e sorrisi dai benzinai in città. Decollo più lento per il diesel

Il ritrovato sconto sulla benzina fa felici gli automobilisti.

Soddisfazione per il primo giorno di pieno con il bonus sull’oro nero, un po’ meno per quello legato al gasolio e riservato ai residenti in fascia A.

Chi ieri ha fatto i salti di gioia dal benzinaio, sono stati i titolari delle auto a benzina. Anche per loro è stato il primo giorno di “grandi” sconti.

Il rialzo del Franco dei mesi scorsi aveva più che dimezzato il ribasso applicato alla benzina, passato da 33 a 15 centesimi al litro per la fascia A (residenti fino a 10 chilometri dal confine), e dai 25 ai 7 centesimi al litro per fascia B (compresa tra i 10 e i 20 chilometri dal confine).

Tre euro in meno alla cassa

Il bonus ieri è risalito a 23 centesimi per la fascia A e a 15 per la B e in tanti ne hanno approfittato. «Loro sì che erano felici - spiega la titolare della pompa Esso di viale Borri – E ne hanno subito approfittato facendo il pieno».

La contemporanea entrata in vigore dello sconto, che Regione Lombardia ha voluto estendere anche ai rifornimenti di gasolio, non ha invece entusiasmato in egual modo gli automobilisti dei diesel. 0,8 centesimi di bonus per ogni litri di gasolio, su un pieno di 40 litri equivalgono a circa tre euro in meno sullo scontrino. Un ribasso del prezzo che doveva entrare in vigore ai primi di febbraio, ma che la Regione aveva sospeso per via degli accordi stipulati tra Italia e Svizzera: il nostro Paese cioè non può vendere carburanti nelle fasce di confine a un prezzo inferiore a quello svizzero.

Anzi, lo scarto deve essere di almeno cinque centesimi di euro in più in Italia. Ora che la situazione è tornata alla normalità e il Franco stabile, è potuto partire il progetto fortemente voluto dal consigliere segretario Daniela Maroni e di cui beneficeranno tutti i residenti in fascia A, entro 10 chilometri dal confine elvetico.

«Uno sconto di 0,8 centesimi è troppo poco - spiega il titolare della pompa Shell di viale Aguggiari – La gente si aspettava che almeno si arrivasse a 13, 14 centesimi in meno al litro. Oggi ho sentito più lamentele e visto sguardi di rassegnazione che non complimenti e sorrisi. Così quasi non ci si rende conto della differenza».

Con il primo rifornimenti di sicuro no, perché Regione Lombardia fa pagare un canone annuale ai titolari delle carte sconto di 1,50 euro, «che per chi ha fatto 20 euro di gasolio – specifica – vuol dire che ha pagato la cifra piena ed è ancora in debito con la Regione di 40 centesimi, che gli verranno scalati al prossimo rifornimento».

Comprensibile che qualcuno si sia sentito preso in giro. «Effettivamente una battutina di lamentela è scappata a molti – aggiunge anche il titolare della pompa Eni di via Sanvito – Però alla fine concludono che è sempre meglio di niente».

Basta andare in Comune

Chi non avesse ancora fatto richiesta dello sconto gasolio può farlo rivolgendosi all’ufficio anagrafe del Comune e richiedere l’abilitazione della propria tessera sanitaria. Occorre presentare solo il modulo di richiesta che si trova agli sportelli, il libretto di circolazione e un documento d’identità.

Il Comune verificherà in tempo reale i dati del richiedente e quelli del veicolo associato e il sistema consentirà di estendere lo sconto anche ai componenti del nucleo familiare del proprietario del veicolo.

Per l’utilizzo della carta sconto gasolio occorre disporre del pin della tessera sanitaria, che può essere richiesto presentando la carta dei servizi e un documento d’identità all’Asl, in comune o nelle sedi di Spazio Regione.n


© RIPRODUZIONE RISERVATA