Sergio Romano e Lucio Caracciolo in esclusiva su La Provincia

Sergio Romano e Lucio Caracciolo in esclusiva su La Provincia

L’analisi dei due esperti sugli scenari internazionali e le prospettive per Italia ed Europa

Tutti noi abbiamo ancora negli occhi la strage sulla Promenade di Nizza. Dopo neanche 24 ore, tutti noi abbiamo vissuto il disorientamento per quanto è accaduto in Turchia: avvenimenti difficili da spiegare e da contestualizzare. Quello che abbiamo davanti è un mondo in continua evoluzione e che, soprattutto nell’ultimo mese, ci lascia sbigottiti.

A Nizza e in tutto il mondo sono i giorni del cordoglio

A Nizza e in tutto il mondo sono i giorni del cordoglio

Per provare a capire quanto stia accadendo abbiamo intervistato, in esclusiva, due autorevoli personalità in tema di geopolitica e a dinamiche internazionali. Si tratta di Lucio Caracciolo, direttore della rivista Limes, la più quotata in Italia sull’argomento, e Sergio Romano, uno dei massimi esperti di storia internazionale, docente, giornalista, scrittore nonché una delle menti geopolitiche più lucide e affilate del Paese.

Sergio Romano

Sergio Romano

Parlando della Turchia, entrambi concordano su un aspetto: «Erdogan esce indubbiamente rafforzato da quanto successo: per i cittadini turchi lui è l’uomo del miracolo economico e questa dimostrazione di forza non farà altro che aumentare il suo potere».

Il golpe turco è fallito perché la cittadinanza si è schierata con il suo presidente

Il golpe turco è fallito perché la cittadinanza si è schierata con il suo presidente

Inevitabile una digressione sulla strage di innocenti avvenuta a Nizza. Secondo Romano «quanto è avvenuto ben rappresenta il modello dei foreign fighters, quei terroristi non riconducibili in maniera chiara all’Isis, ma che indubbiamente subiscono il fascino di questa “bestia curiosa”».

I documenti dell’attentatore di Nizza

I documenti dell’attentatore di Nizza

L’analisi di Caracciolo si sofferma inoltre sulle conseguenze economiche della Brexit, importante spartiacque nella storia dell’Unione Europea: «Le conseguenze negative saranno vissute soprattutto all’interno: la Gran Bretagna di oggi è infatti spaccata».

23 giugno 2016: è Brexit. Una data spartiacque per l’Unione Europea

23 giugno 2016: è Brexit. Una data spartiacque per l’Unione Europea

Impossibile riassumervi quanto raccontatoci dai due esperti: ciò che vi raccomandiamo è di non perdere le interviste che troverete pubblicate su La Provincia di Varese in edicola lunedì 18 luglio.


© RIPRODUZIONE RISERVATA