Cina e Giappone fanno volare Varese
Gli elicotteri AW119Kx di AgustaWestland garantiranno servizio di elisoccorso nel colosso Cina

Cina e Giappone fanno volare Varese

Ieri l’annuncio di Finmeccanica: contratti per ventisei elicotteri da soccorso per l’Estremo Oriente. La maxi commessa vale 80 milioni di euro e fa decollare il gioiello AW119Kx di AgustaWestland

SAMARATE - La Divisione elicotteri di Finmeccanica in Cina e Giappne con una commessa da ben 26 elicotteri. Durante il salone statunitense internazionale Heli-Expo 2016 sono, infatti, stati annunciati contratti per ventisei elicotteri dedicati all’elisoccorso, destinati ad operare in Cina e in Giappone. Il valore complessivo degli ordini ricevuti, che accrescono in maniera significativa la già importante presenza di Finmeccanica nel mercato del soccorso e delle applicazioni di pubblica utilità in Asia, è di circa 80 milioni di euro.

Supporto e addestramento

Nello specifico, spiega Finmeccanica una nota, in Cina il cliente Sino-Us Intercontinental ha ordinato 25 elicotteri AgustaWestland AW119Kx, oltre a un pacchetto di supporto e addestramento, con consegne da giugno 2016. Quest’ordine rientra nell’ambito di un più ambizioso accordo quadro per 60 unità dello stesso modello da acquisire entro il 2017. In Giappone, invece, la società Shizuoka Air Commuter Corporation ha acquistato un ulteriore elicottero GrandNew in configurazione eliambulanza per la prefettura di Niigata. L’entrata in servizio è prevista nell’autunno 2016. In tal modo, la Divisione elicotteri , sottolinea Finmeccanica, consolida il proprio ruolo sul mercato asiatico dell’elisoccorso a sostegno di vasti programmi nazionali. Per la Cina, si tratta del più grande programma elicotteristico per elisoccorso mai realizzato nel Paese, la qual cosa permette alla Divisione elicotteri di Finmeccanica di rafforzare in maniera significativa la propria presenza in un mercato emergenrte come quello cinese che è in forte espansione.

Coperte tutte le prefetture

Non a caso, il contratto è parte di un programma che prevede fino a sessanta elicotteri dello stesso modello. Nell’altro Paese, il Giappone, non è la prima macchina che si vende per fare elisoccorso. Sono infatti già stati venduti diversi elicotteri nell’ambito di un moderno programma nazionale che prevede la copertura di tutte le prefetture giapponesi per fare elisoccorso. Ma non è tutto perché nel corso del salone internazionale statunitense è stato inoltre presentato un nuovo modello di elicottero l’AW099, evoluzione di un modello già esistente che la Divisione elicotteri di Finmeccanica fa in Polonia. Si tratta di un elicottero mono motore leggero, il più piccolo che l’azienda elicotteristica può vantare. Il lancio del nuovo prodotto prevede migliorie e un nuova avionica, un nuovo quadro comandi. Sebbene non siano ancora stati annunciati ordini per l’AW099, una delle forze di polizia della California ha intanto già presentato una lettera di interesse per questo modello, la quale cosa fa ben sperare l’azienda che ha stabilimenti importanti in provincia di Varese.

Non solo usi commerciali

Va ricordato che, malgrado il pessimismo girato in questi mesi attorno al mercato petrolifero, con l’industria internazionale che ha lanciato l’allarme circa il trasporto di persone sulle piattoforme, un’azienda come la Divisione elicotteri di Finmeccanica può continuare ad essere ugualmente competitiva, forte della propria capacità di realizzare elicotteri anche per altri ruoli commerciali come l’elisoccorso. Se, insomma, il petrolio costa meno e le società petrolifere non intendono effettuare ulteriori espolorazioni per trovare altri giacimenti, la Divisione elicotteri di Finmeccanica non ne uscirà danneggiata. E’ la capacità di diversificare il bisiness intendipentemente dai trend di mercato.


© RIPRODUZIONE RISERVATA