Il 2015 di Sea è da record. Volano anche i passeggeri
Bilancio che dà soddisfazione al presidente di Sea, Pietro Modianoarchivio

Il 2015 di Sea è da record. Volano anche i passeggeri

Il gruppo chiude con un utile netto di 83,8 milioni (+52,8%) e ricavi in aumento. Bene l’aviation

Record dei record in casa Sea con un utile netto consolidato di 83,8 milioni di euro nel 2015 per il Gruppo, pari a un + 52,8 % che equivale a 29 milioni in più. E massimo storico anche per il margine operativo lordo che è arrivato a 219,8 milioni di euro, in crescita del 6,8% (+13,9 milioni di euro) rispetto al 2014. Mentre i ricavi sono di 694,8 milioni di euro per un + 1,4%.
Sorride il presidente Sea Pietro Modiano che parla del 2015 quale «anno positivo per il Gruppo come testimoniano i dati di conto economico e di stato patrimoniale».
Migliorata anche la posizione finanzaria netta, passata da 571,2 milioni di fine 2014 a 538,3 milioni di euro al 31 dicembre 2015. Ma a lasciare di buonumore il numero uno della società di gestione di Malpensa e Linate è anche l’attività aviation degli aeroporti, ossia il core business degli scali, con un +3,3 % al netto del trasferimento del traffico di Orio al Serio avvenuto l’anno scorso su Malpensa che ha fatto alzare i numeri di passeggeri e movimenti in brughiera. Conteggiando anche i passeggeri di Bergamo che hanno frequentato il T1 l’anno scorso, la percentuale di crescita dei passeggeri passati a Malpensa e Linate sarebbe del +1,6% con 28,1 milioni di clienti nel complesso sui tre terminal.
Non grossi numeri, ma pur sempre di segno più e con la buona notizia di un «aumento significativo nella componente di maggior valore del traffico passeggeri, quella realtiva al traffico intercontinentale che rappresenta il cuore e la ragion d’essere dell’attività dell’aeroporto di Malpensa», annota Modiano. Il dato numerico è di 5,6 milioni di passeggeri intercontinentali, con un +4,8 % rispetto al 2014. Nel solo 2015 ci sono stati 254mila passeggeri in più che hanno fatto voli di lungo raggio.
Ottimi i risultati nel traffico cargo, settore nel quale Malpensa rimane il primo aeroporto d’Italia con una quota di mercato del 56% e tra i primi in Europa. Nel 2015 si conferma il trend positivo dell’anno precedente; l’aumento del traffico merci è dell’8,8% e le previsioni rimangono rosee dato l’arrivo a cargo city di importanti operatori di fama mondiale nella logistica con i quali Sea ha già chiuso accordi di collaborazione importanti, basti pensare a Dhl Express pronta a costruire il proprio polo logistico a Cargo City su una superficie di 46mila metri quadrati per un investimento da 90 milioni di euro. Ma sono tre i nuovi magazzini di altrettanti operatori in costruzione.
Gli investimenti realizzati, invece, da Sea ammontano a 99 milioni di euro nel 2105 e comprendono il restyling del terminal 1 di Malpensa, la riconfigurazione dell’atrio partenze e delle aree di imbarco al terminal 2, mentre a Linate sono stati conclusi i lavori di ristemazione del piano check in e ultimati quelli di potenziamento ai controlli di sicurezza dei passeggeri in partenza.
Il cda di Sea spa, approvato il progetto di bilancio dell’esercizio 2015 di Sea spa e il bilancio consolidato del Gruppo Sea, ha deliberato la proposta per l’Assemblea degli azionisti di un dividendo di 0,25 euro per ciascuna ordinaria per un ammontare complessivo di 62,8 milioni di euro.


© RIPRODUZIONE RISERVATA