Tronconi nominato nuovo Team Head della sede di Firenze di Deutsche Bank
Il bustocco Alberto Tronconi è stato nominato nuovo Team Head della sede di Firenze di Deutsche Bank

Tronconi nominato nuovo Team Head della sede di Firenze di Deutsche Bank

Il quarantacinquenne nato a Busto Arsizio è il nuovo responsabile per il Wealth Management in Toscana della banca tedesca.

Alberto Tronconi, quarantacinquenne nato a Busto Arsizio, è il nuovo responsabile per il Wealth Management in Toscana di Deutsche Bank. Da quasi vent’anni (dall’agosto 1997) nella Banca tedesca -sedici dei quali passati a Milano con crescenti ruoli di responsabilità nella divisione retail e l’attuale Private, Wealth & Commercial Clients (PWCC)-, Tronconi si occuperà dello sviluppo e della gestione della clientela privata di fascia alta (patrimoni superiori ai 2 milioni di euro) del territorio toscano.

Il team fiorentino capitanato da Tronconi è composto da Andrea Ruggiero che ricopre il ruolo di Investment advisor e da Sofia Vacca, account manager e seguiranno una quarantina di clienti nel territorio toscano (principalmente imprenditori, dirigenti e liberi professionisti). Tra gli obiettivi della Unit vi è quello di rafforzare ulteriormente il business e la presenza del Wealth Management per tutto il centro Italia.

Il Wealth Management, presente in Italia con sette uffici (oltre a Firenze, Milano, Lecco, Torino, Verona, Roma, Napoli), fa parte della divisione PW&CC di Deutsche Bank (Private, Wealth and Commercial Client), struttura che offre una gamma completa di prodotti e servizi a privati, famiglie e imprese.

«Siamo molto soddisfatti della nomina di Tronconi – ha dichiarato Roberto Parazzini, Responsabile del Wealth Management di Deutsche Bank per l’Italia – Siamo sicuri che con la sua esperienza contribuirà a rafforzare e a sviluppare ulteriormente, in Toscana, la nostra capacità nell’offerta di servizi altamente personalizzati. Questa Regione rappresenta un territorio di particolare rilevanza per la banca nel suo complesso e, nello specifico, per le nostre attività di gestione di grandi patrimoni».


© RIPRODUZIONE RISERVATA