Sabato 07 Agosto 2010

A Vizzola i naturisti
strigliano il Comune

VIZZOLA TICINO «E' da un anno che chiediamo di incontrare il sindaco Romano Miotti, ma la nostra richiesta è sempre stata ignorata». L'Associazione naturista italiana (Anita) "mette a nudo" la non volontà del primo cittadino di risolvere il problema. O meglio, quello che per l'amministrazione comunale è un problema e che invece per l'associazione è quanto di più naturale esista. Ovvero prendere il sole in spiaggia sul Ticino come mamma ci ha fatto: nudi.
Oggetto del contendere è una ordinanza firmata dal sindaco quale «misura di contrasto all'esercizio della prostituzione su strada e ai fenomeni di degrado presenti sul territorio comunale». I naturisti esprimo tutta la loro perplessità perché vengono posti sullo stesso piano «i nudisti che da tempo frequentano la zona e i veri responsabili del degrado».
Si torna così alla riposta dell'Amministrazione attesa da un anno: «Avremmo voluto fornire la nostra disponibilità a segnalare i comportamenti di matrice erotico-esibizionista, del tutto estranei alla filosofia naturista, proponendo l'istituzione di un'area ben segnalata e delimitata destinata alla pratica del naturismo. Una soluzione già adottata da altri Comuni italiani, nella piena soddisfazione di tutti, naturisti e cittadinanza locale».
Invece a Vizzola è stato deciso di scegliere «la linea della repressione basando la sanzione non sul comportamento tenuto ma sul tipo di abbigliamento indossato (o non indossato)». Per l'associazione si tratta di «una soluzione semplice, d'impatto, in grado di dare risultati nel breve periodo, sulla quale aleggia però il dubbio della sua efficacia e sostenibilità nel tempo». Il ragionamento è semplice: vietando di fatto la pratica del naturismo su tutto il territorio comunale «si allontanano quelle persone che frequentavano il luogo in modo sano e pulito».
L'ordinanza potrebbe quindi avere l'effetto di lasciare campo libero ai veri responsabili del degrado che ha giustificato un provvedimento tanto deciso.

e.romano

© riproduzione riservata