Domenica 19 Maggio 2013

Getta i figli dal balcone di casa
«Aveva già minacciato di farlo»

BUSTO ARSIZIO «Per me non è una sorpresa, si sapeva che quella persona soffriva di disturbi seri». A parlare è il fidanzato di una ragazza residente nella palazzina di viale Boccaccio 7, teatro del dramma familiare di ieri. «Da quello che so - racconta il giovane - la donna aveva anche già minacciato di compiere il gesto estremo di gettare i figli dal balcone. E comunque era palese che fosse instabile». Un'altra vicina di casa aggiunge: «So solo che era da poco uscita dalla Psichiatria, ma non conoscevo esattamente la gravità della situazione. Certo, è terribile quel che è successo, speriamo che i bambini si salvino, ora è questa la cosa che conta di più». Un uomo residente al pianterreno ha vissuto la terribile esperienza di sentire il tonfo dei corpi dei due bambini, fortunatamente attutito dalla presenza di un tavolino: «Non ho visto nulla, ho solo sentito il rumore» ricorda, visibilmente scosso.

Tra gli altri inquilini del condominio c'è ben poca voglia di parlare. Molti di loro sono quasi paralizzati dall'incredulità per un gesto così incomprensibile. Poco dopo la diffusione della notizia, la palazzina comincia a essere raggiunta dai curiosi. Pochi, all'inizio. Diventano numerosi nel primo pomeriggio, attirati anche dalla vistosa presenza del camion di Sky. «Ho sentito prima la notizia al telegiornale e son venuta a vedere. Sa, abito qua vicino - dice una signora anziana - Ma cos'è successo esattamente? E come stanno i bambini? Non posso credere che succedano cose del genere...». «Se ne sentono troppe, se ne sentono troppe» ripete, come in trance, un'altra donna accorsa nel frattempo.

«Come stanno i bambini?», è la domanda più ricorrente. C'è ansia per le condizioni dei due piccoli. «Ora l'importante è che si salvino e stiano bene, preghiamo tutti per loro due - sottolinea Giancarlo, un pensionato residente nelle vicinanze - Se penso che uno dei due bambini ha l'età di mio nipote, mi si gela il sangue».

b.melazzini

© riproduzione riservata