Daverio capitale con il memorial Orrigoni
A Daverio è stato un primo maggio di grande basket con la quinta edizione del torneo internazionale Memorial Luigi Orrigoni (Foto by Varese Press)

Daverio capitale con il memorial Orrigoni

Successo strepitoso per la quinta edizione. Vince la Pallacanestro Varese, trionfa il grande basket

E anche quest’anno, è stato un successo. Lunedì 1 maggio sul parquet di Daverio si è chiusa la quinta edizione del Trofeo Memorial Luigi Orrigoni (per la seconda volta trofeo internazionale): una tre giorni intensa ed emozionante di basket e di pubblico, che ha dato lustro ad un appuntamento dedicato alla categoria Esordienti (under 12).

L’organizzazione della Pallacanestro Daverio è stata impeccabile ed ha riscosso il gradimento sia delle società che dei genitori presenti. Sul campo, il torneo è stato vinto dalla Pallacanestro Varese, che in finale ha superato l’ABA Legnano in una partita giocata punto a punto. Il terzo posto se lo è preso l’Aurora Desio, davanti alla Robur et Fides Varese. Il premio di miglior giocatore del torneo a Weilun Zhao, della Pallacanestro Varese, il premio fair play intitolato a Manuela Gallicola è stato assegnato alla squadra di Oleggio mentre il premio Franco Sabaini è andato ad Andrea Transi.

Come detto, una tre giorni di pallacanestro molto positiva ed entusiasmante, che il presidente della Pallacanestro Daverio Giuliano Pellegrini commenta così: «Direi che è andata non bene, benissimo. Per tutto, anche l’aspetto sportivo è stato per i ragazzi straordinario, penso che la formula dell’ospitalità paghi sempre. Quest’anno abbiamo allargato a 16 squadre ed è stato un lavoro pazzesco, molto impegnativo perché eravamo divisi su quattro palestre (Daverio, Azzate, Mornago e Casale Litta). Abbiamo lavorato con tutte le nostre forze, coinvolgendo il settore giovanile, un gioco di squadra bellissimo. Più di cento persone hanno collaborato alla riuscita di questo torneo e io vorrei ringraziare tutti, dal responsabile del minibasket Omar Busana, che con Cristiano Maino ha fatto un lavoro fantastico. Il loro lavoro è iniziato a settembre ed è stato fantastico. Insieme a loro, voglio ringraziare le donne e gli uomini del Gruppo Bireta, i nostri tifosi che ci sostengono e ci aiutano con il catering e gli stand gastronomici. Chiaramente ringraziamo la famiglia Orrigoni, che ci è vicina tuttora, poi Gianni Chiapparo che in qualità di commissario è stato con noi per tutto il torneo. A livello organizzativo, un grazie al nostro responsabile Giampaolo Giroldi, ma anche alle società che hanno ospitato le squadre da fuori. I ringraziamenti coinvolgono anche i quattro sindaci che ci hanno appoggiato: Martino di Daverio, Tamborini di Mornago, Maffioli di Casale Litta e Bernasconi di Azzate».

Per il futuro, le idee ci sono già: «Ci è piaciuto il taglio internazionale e vorremmo ripeterlo l’anno prossimo, mantenendo il format a 16 squadre: nelle nostre idee c’è quello di invitare tre o quattro squadre da fuori, inserendone una per girone. Anche quest’anno abbiamo avuto diverse squadre di livello notevole, siamo soddisfatti».


© RIPRODUZIONE RISERVATA