Doping ai Giochi del 2008. L’atletica giamaicana trema

Doping ai Giochi del 2008. L’atletica giamaicana trema

Olimpiadi - Tra i 32 medagliati di Pechino risultati positivi c’è anche un re dello sprint

Da Usain Bolt a Asafa Powell, da Veronica Campbell-Brown a Shelly-Ann Fraser (e altri): i grandi campioni della Giamaica, dominatori mondiali dello sprint, vivono ore difficili e tutto lo sport giamaicano è in subbuglio dopo le accuse di doping che coinvolgono ben 32 medagliati delle Olimpiadi di Pechino 2008. Ieri infatti si è saputo che oltre a atleti russi, spagnoli e turchi, nella lista dei dopati c’è anche un giamaicano, e il comitato olimpico del paese caraibico ne è già informato.

Attesa per le controanalisi

La rivelazione l’ha fatta il giornale online di Kingston RJR, e siccome a Pechino la Giamaica vinse medaglie solo nell’atletica, è inevitabile pensare che qualcuna delle grandi stelle dello sprint presto potrebbe cadere nella polvere. Ora si attende che il Cio - dopo l’esito delle controanalisi - diffonda l’elenco ufficiale, scagionando tutti gli altri dal sospetto di aver fatto uso di sostanze proibite.
A Pechino esplose il fenomeno Bolt, il gigante vinse con facilità 100 e 200 metri arrivando sul traguardo a braccia alzate, si prese pure la staffetta 4x100 (insieme con Nesta Carter, Michael Frater e Asafa Powell) e fece il record del mondo in tutte e tre le gare. Fra le donne, a Pechino nei 100 metri le giamaicane fecero l’en plein (Fraser, poi Sherone Simpson e Kerron Stewart). Nei 200 prevalse Veronica Campbell-Brown e fu terza ancora la Stewart (il secondo posto andò all’americana Felix). Medaglia d’oro anche nei 400 ostacoli con Melanie Walker, e argento nei 400 metri con Shericka Williams. Le caraibiche presero anche il bronzo nella 4x400 (Williams, Lloyd, Whyte e Noviene Williams).

Il Cio ha fretta di concludere

Un bottino eccezionale, in gran parte bissato alle Olimpiadi di Londra 2012, ma ora costretto a fare i conti con la nuova indagine antidoping condotta sulle provette congelate di otto anni fa, che si avvale infatti di tecnologie nuove, capaci di svelare tutti i trucchi di chi bara e era convinto, dopo tanti anni, di averla fatta franca.
Il Cio ha fretta di concludere l’operazione, Rio è troppo vicina perchè si parli solo di doping. Ai colpevoli verranno ritirati medaglia e titolo, e sarà impedito loro di partecipare alle Olimpiadi di Rio anche se avessero già conquistato sul campo il ticket.
L’indagine dell’antidoping naturalmente non riguarda solo l’atletica leggera, ma il coinvolgimento della Giamaica ha acceso i riflettori sulla specialità regina dei Giochi. Nei prossimi giorni, il Cio dovrebbe ufficializzare la lista dei 32 positivi, che si aggiungono ad altri 23 medagliati dei Giochi di Londra 2012.


© RIPRODUZIONE RISERVATA