Martedì 17 Giugno 2014

Una super atleta verso la maturità

Insieme ad altri settemila varesini

Silvia La Tella fa il Cairoli

La maturità si avvicina a passo di corsa per 7.156 ragazzi delle scuole della provincia che domani mattina affronteranno la prima prova dell’esame. La più lunga, quella del tema di italiano.

Tra questi studenti c’è una ragazza che corre più degli altri: si chiama Silvia La Tella, frequenta il liceo classico Cairoli, ed è una vera e propria atleta specializzata nel salto triplo. Sul campo di atletica, con le scarpe da ginnastica ai piedi, non la ferma nessuno.

«Pratico questo sport dalla prima media, da quando mio zio mi ha fatto conoscere questa bellissima disciplina – dice la studentessa – È lo stesso zio (Simone Comolli) ad allenarmi adesso che sono un’agonista. Insomma: lo sport è una passione di famiglia».

La studentessa si allena ad Arcisate e a Calcinate degli Orrigoni, con la maglia della Fanfulla Lodigiana.

E poi ci sono i libri, nei quali Silvia mette tutta se stessa come sul campo di gara, ottenendo ottimi risultati, tanto che il preside Salvatore Consolo ha indicato il suo nome come studentessa che eccelle sia nello sport che nello studio.

«Se nei primi anni della scuola superiore è stato più semplice riuscire a conciliare gli allenamenti con lo studio, quest’anno è stato un vero tour de force – continua Silvia - Gli allenamenti sono cinque alla settimana, per due ore ciascuno. E guai a dire “oggi non posso”».

E ancora: «Non è possibile saltare gli allenamenti anche se costa sacrificio. Perché se si saltano gli allenamenti i risultati non arrivano. Poi la soddisfazione che ne deriva è molta, ma sono tanti i sacrifici richiesti. Per esempio quest’anno ho studiato molte volte fino a sera tardi. E se alla domenica ci sono le gare, al sabato si va a letto presto».

Di contro, gli allenamenti hanno ripercussioni positive anche sullo studio. «La concentrazione che bisogna mettere in campo e sui libri è la stessa – afferma la studentessa – Quindi una volta che si parte, si va avanti, fino al risultato». Avanti così quindi, con questa determinazione. Ieri si sono insediate le 162 commissioni nelle scuole varesine. Il toto tema darebbe come traccia Garcia Marquez, Nelson Mandela, la prima guerra mondiale e la crisi.

E chissà mai che arrivi anche un tema sportivo, proprio sulla storia dell’atletica leggera e del salto triplo. O sul potere della concentrazione per raggiungere risultati sempre più alti.

© riproduzione riservata