Caro tombe, Borsano chiama: «Gli altri quartieri ci seguano»
L’ingresso del cimitero di Borsano. Qui è esploso il caso del “caro tombe”

Caro tombe, Borsano chiama: «Gli altri quartieri ci seguano»

Il comitato spontaneo risponde anche al PD: «Noi superficiali? Di cosa parlano?»

Caro-tombe, il comitato spontaneo di Borsano “chiama” gli altri quartieri: «Uniamoci per far cambiare idea alla giunta». Presto una riunione. Nel frattempo Adriano Landoni, portavoce del comitato, non le manda a dire al Pd: «Superficiali noi? Superficiale sarà chi non si è accorto di aver fatto passare dei rincari tariffari così folli».

Mentre la politica inizia a muoversi sulla questione degli «aumenti pazzeschi» scoperti dal comitato borsanese sulle tariffe dei rinnovi delle concessioni cimiteriali, con “Busto al Centro” che raccoglie l’assist lanciato da Borsano e promuove una raccolta di firme nei tre cimiteri cittadini per convincere l’amministrazione a fare marcia indietro, il portavoce del comitato spontaneo di Borsano Adriano Landoni non intende lasciar passare la puntualizzazione del Pd, per voce del capogruppo Cinzia Berutti. «Non possiamo accettare di essere tacciati di superficialità per aver detto che il regolamento cimiteriale è stato approvato con il consenso delle opposizioni, fatto salvo il Movimento Cinque Stelle che si era astenuto - spiega Landoni - è vero, come dicono Pd e BaC, che il regolamento cimiteriale approvato a fine marzo non conteneva le nuove tariffe, ma è anche vero che le stesse tariffe erano già state approvate dalla giunta. Quindi, votando il regolamento, è stato votato anche l’aumento. La nostra non è per niente una lettura frettolosa e superficiale, tutt’altro. Sarà superficiale il Pd che non si è accorto che la stangata ai danni dei cittadini sarebbe entrata in vigore». Chiarito questo, il comitato guarda avanti: «Non vogliamo fare polemica, ma chiediamo solo che si arrivino a definire delle tariffe equilibrate e ragionevoli, per far sì che rinnovare le concessioni cimiteriali per i propri cari non diventi un privilegio per pochi».  


© RIPRODUZIONE RISERVATA