Giovane armato di chiave inglese rapina una tabaccheria di Cislago

Giovane armato di chiave inglese rapina una tabaccheria di Cislago

Nella mattinata di oggi, un giovane di Cislago, già noto alle forze dell’ordine, è stato individuato e arrestato dai carabinieri

CISLAGO - Giovane di Cislago arrestato per rapina aggravata. Erano circa le 9, quando la titolare di una centralissima tabaccheria del paese ha visto entrare nel proprio esercizio commerciale un giovane armato di chiave inglese, il quale con atteggiamento minaccioso e aggressivo, si è fatto consegnare il denaro della cassa.

L’uomo, con il pesante oggetto metallico tra le mani, l’avrebbe minacciata facendole capire che le avrebbe rotto la testa se non avesse fatto subito ciò che le aveva ordinato. Evitando azioni sciocche, la commerciante non ha esitato, consegnando al balordo qualche centinaio di euro in contanti. Dopo aver arraffato il denaro, l’uomo si è dato alla fuga. La donna, scossa, assicuratasi che il rapinatore si fosse allontanato, ha chiamato i carabinieri, che si sono precipitati sul posto raccogliendo le prime informazioni necessarie per individuarlo.

Decisiva è risultata la testimonianza di una persona presente, che lo ha descritto nei minimi dettagli non trascurando i modi in cui si atteggiava, dando così la possibilità ai militari di riconoscerlo, visto che si trattata di un soggetto già noto, che abita in Cislago. I carabinieri si sono precipitati in casa del presunto colpevole: lo hanno trovato in possesso della refurtiva che ancora non aveva avuto il tempo di nascondere. All’esito della perquisizione sono state scovate anche la chiave inglese utilizzata per compiere la rapina e la felpa che indossava, della quale nel frattempo si era spogliato. Ulteriori elementi sarebbero stati individuati nei filmati interni della tabaccheria.

I carabinieri, dopo aver svolto tutti gli accertamenti e verbalizzato le operazioni, hanno dichiarato in arresto il 27enne, trasferito al carcere di Busto Arsizio a disposizione del magistrato di turno, Rosaria Stagnaro.


© RIPRODUZIONE RISERVATA