Varesini da leccarsi i baffi. Ecco gli “dei” della pasticceria
Fabrizia Conti, 21 anni di Busto Arsizio, è una dei nostri tre top pasticceri diplomatisi ad Alma

Varesini da leccarsi i baffi. Ecco gli “dei” della pasticceria

Fabrizia Conti, Alessandro Franchi e Daniele Manca diplomati alla scuola di Gualtiero Marchesi

Tre varesini nell’olimpo dell’altissima pasticceria: sono Fabrizia, Alessandro e Daniele i tre diplomati nel corso superiore di pasticceria ad Alma, la scuola internazionale di cucina italiana di cui è rettore lo chef di fama stellare Gualtiero Marchesi.

Sette mesi per un sogno

I tre top pasticceri sono Fabrizia Conti, 21 anni di Busto Arsizio, Alessandro Franchi, 21 anni di Gorla Minore e Daniele Manca, 30 anni di Brunello. Con loro si sono diplomati altri 42 giovani talenti dell’alta pasticceria. Il corso superiore di pasticceria promosso da Alma ha visto diplomarsi 45 studenti, provenienti da tutt’Italia.

Dopo un percorso formativo della durata di sette mesi, questi diplomati - 28 ragazze e 17 ragazzi - si possono ora fregiare dell’agognato titolo di Professionista di Pasticceria Italiana: un eccellente biglietto da visita per affrontare il futuro lavorativo. Un concetto ribadito dal Presidente di Alma Enzo Malanca: «Sono diversi i diplomati della XXV edizione del Corso Superiore di Pasticceria che hanno già ricevuto una proposta di lavoro. Nel complesso, il livello occupazionale nei primi sei mesi dall’uscita della Scuola supera l’80%. Un dato che ci rende orgogliosi, perché la missione educativa di Alma consiste nel formare professionisti e nel facilitarne l’effettivo ingresso nel mondo del lavoro».

Profeti in patria?

I tre talenti varesini sono stati valutati, come gli altri diplomati, da una giuria di èlite: spiccavano le presenze di un Maestro come Gino Fabbri; dello chef Felice Venanzi, di Gruè, Roma, fresco del titolo di Pasticcere Emergente attribuitogli dalla Guida Pasticceri & Pasticcerie 2017 del Gambero Rosso; dello chef Luca Cantarin, Pasticceria Marisa, ad Arsego di San Giorgio delle Pertiche, medaglia di bronzo alla Coupe du Monde de la Pâtisserie 2013; dello chef Giovanni Pina, Pasticceria Pina di Trescore Balneario; del giornalista e critico enogastronomico Andrea Grignaffini.

Dopo l’eccellente risultato ottenuto i tre talenti varesini potranno lavorare (ed esercitare quella che è considerata un’arte) ovunque. Il sogno, però, sarebbe quello di poter avviare un’attività nella terra che ha dato loro i natali. Sarebbe un incredibile lusso per tutto il nostro territorio. Oltre che, ovviamente, una gioia per il palato. Alma, tra l’altro, collabora anche con uno dei simboli dell’impreditoria varesina del passato il Birrificio Poretti pronendo un’esclusiva selezione di ricette tutte a base delle splendide birre prodotte a Induno Olona.


© RIPRODUZIONE RISERVATA