C’è tanto bisogno di misericordia anche tra i laici
Papa Francesco ha indetto un Giubileo straordinario (Foto by ansa)

C’è tanto bisogno di misericordia anche tra i laici

Cito un paio di frasi del Papa, pronunciate dal giorno del suo insediamento ad oggi. «Il messaggio di Gesù è la misericordia. Per me, lo dico umilmente, è il messaggio più forte del Signore». «La misericordia non è solo un atteggiamento pastorale, ma è la stessa sostanza del Vangelo». Francesco è stato conseguente, annunciando un Anno Santo della misericordia, con un Giubileo straordinario che comincerà l’8 dicembre e potrà rendere più evidente per la Chiesa la missione di testimonianza proprio della misericordia. Un evento che rallegra i cattolici e dovrebbe far meditare anche i laici: abbiamo un gran bisogno della misericordia.

Corrado Marchi

Sì, ne abbiamo bisogno. Laicamente, potremmo limitarci a declinarla come comprensione. Interrogarsi di più, capire di più, dialogare di più. Se c’è un tempo non della misericordia, questo è il nostro. La contemporaneità si comporta come se, fatte salve alcune benemerite eccezioni, ne ignorasse l’esistenza. Prevale l’opportunismo, che viene ispirato dalle ragioni egoistiche e si traduce nell’indifferenza verso gli altri. I guai conseguenti sono tanti, la disgregazione sociale il peggiore. La malaccorta difesa delle esigenze (anche dei diritti, talvolta) individuali porta al pericoloso attacco della pluralità. Invece di demolire le barriere, si alzano gli steccati, in genere gridando la propria rabbia senz’approfondirne le cause reali e trovarvi il rimedio giusto. Ben venga, infine, la misericordia anche nell’ambito politico: non significa eliminare la dialettica tra le parti, e invece renderla virtuosa motivando seriamente le diversità. Ma ci vorrebbe un Papa anche fuori del Vaticano. E non c’è, nonostante vi sia chi crede di esserlo.

Max Lodi


© RIPRODUZIONE RISERVATA