La Scuola “Anna Bonomi” apre le porte agli studenti

La Scuola “Anna Bonomi” apre le porte agli studenti

Si volgerà lunedì 18 settembre, in Sala Montanari a Varese, la presentazione dei corsi del nuovo anno per i giovani attori in erba

VARESE - Chi non ha sognato una carriera di attore? Per principianti o per attori già esperti appuntamento da non perdere all’open day serale, lunedì 18 settembre, a partire dalle 20.30, in Sala Montanari a Varese, quando prenderà ufficialmente il via la nuova stagione teatrale di STCV, la Scuola teatrale “Anna Bonomi”.

In programma corsi di recitazione per tutti i livelli, molti spettacoli, workshop con artisti affermati e collaborazioni importanti.

«Quest’anno la scuola prevede tre livelli – ci spiega la direttrice artistica della Scuola Teatrale, Roberta Colombo - il primo corso è consigliato ai principianti e a tutti quelli che vogliono muovere i primi passi nel mondo del teatro, il secondo è per chi ha già esperienza teatrale e vuole approfondire la propria formazione attoriale, mentre il terzo è rivolto agli allievi che hanno già frequentato il corso avanzato STCV. Oltre ai corsi base, ci sarà la possibilità di aggiungere materie extra per approfondire tematiche specifiche; tra queste: Monologo, Mimo e Pantomimo, Canto e Dizione».

Parliamo della storia della scuola: da quanti anni esiste la STCV?


La STCV è storica, fondata dalla professoressa Anna Bonomi, esiste da innumerevoli anni, frutto della passione che la prof ha sempre avuto per l’insegnamento del teatro. La sua unione con Coopuf Iniziative culturali è invece avvenuta nel 2015 in accordo con Anna, che voleva allargare e ingrandire gli orizzonti della sua scuola.

Qual è l’insegnamento della professoressa varesina a cui tenete maggiormente?


Se penso agli insegnamenti di Anna mi vengono subito in mente queste tre parole: cuore, passione, cultura. Per lei erano tre ingredienti fondamentali sia per quanto riguarda il teatro e l’essere attore, sia per un generale approccio alla vita. Nel lavoro, nelle relazioni interpersonali, sono insegnamenti che accompagnano chiunque l’ha conosciuta e le ha voluto bene. Sono capisaldi sui quali la scuola continua a puntare, dalla didattica alla scelta degli spettacoli da mettere in scena. Il teatro è uno strumento di comunicazione forte e molto importante: veicolare messaggi e valori è una grande responsabilità per chiunque lavora nell’arte, soprattutto in questo periodo storico. Anche il teatro, nel suo piccolo, può essere un modo per migliorare la società e favorire l’integrazione. Questi insomma, sono i valori che ci ha trasmesso Anna e che vogliamo portare avanti.

A partire da quale età ci si può iscrivere ai corsi?

I nostri corsi sono rivolti agli adulti a partire dal liceo e prevedono vari livelli di studio, dai principianti a quelli più avanzati. Sempre sotto l’ala di STCV esiste anche la realtà di Teatro in Drao, diretto da Clarissa Pari, sezione di corsi dedicata al teatro per bambini, dalla materna alle scuole medie.

Ci saranno ospiti importanti anche questa stagione?

Non mancheranno anche quest’anno preziose collaborazioni, come quelle con Iacchetti e Missoni, sulle quali aggiorneremo pubblico ed allievi durante l’anno scolastico. Per quanto riguarda quelle sul territorio varesino, siamo molto contenti di poter collaborare nuovamente con altre importanti realtà teatrali come Teatro Blu di Silvia Priori, Accademia Teatro Franzato e Splendor del Vero. Inoltre, per il secondo anno consecutivo, STCV sarà ancora partner del Premio letterario Guido Morselli, con il quale proseguirà la collaborazione per la realizzazione degli eventi collaterali al premio. L’accesso ai corsi sarà libero fino ad esaurimento posti e sarà possibile effettuare una pre-iscrizione al termine dell’open day.

Per info e iscrizioni: 335 7004128 – email: stcv.varese@gmail.com Programma corsi: www.scuolateatralecittavarese.it.


© RIPRODUZIONE RISERVATA