Arriva il bis della ramazza. Cinquanta sacchi di vergogna
Cinquanta i sacchi raccolti dai varesini che per la seconda volta hanno pulito i boschi

Arriva il bis della ramazza. Cinquanta sacchi di vergogna

Sacro Monte - Alcuni amici del borgo sono tornati a pulire l’area boschiva, tra wc, stendini e amianto

VARESE - I paladini del Sacro Monte hanno fatto il bis. Ieri mattina, alcuni volontari hanno deciso di portare a termine quanto iniziato nelle scorse settimane: muniti di guanti, sacchi e di buona volontà, alcuni varesini hanno deciso di ripulire alcune parti dell’area boschiva.
Così, alcuni di loro si sono dati appuntamento nella prima mattinata per raccogliere i rifiuti abbandonati dai soliti ignoti. Ebbene, in poche ore i volontari hanno raccolto ben 50 sacchi di rifiuti. «E un altro pezzettino di Sacro Monte l’abbiamo pulito - commenta Giuseppe Maragon, promotore dell’iniziativa - Dopo gli oltre 100 sacchi raccolti due settime fa, stamattina non eravamo in molti ma abbiamo lavorato sodo raccogliendo ancora numerosi rifiuti di ogni genere».
Tra i vari rifiuti, uno sci, un canotto, un water, due stendini, una giostra per bambini, otto pneumatici, due statue in ceramica e pure un po’ di amianto. «Troverete il nostro raccolto sul ciglio della strada verso il Sacro Monte - continua Maragon - Aspem è impegnata ai mondiali di canottaggio, così ritirerà il tutto lunedì». L’avventura del team dei paladini del Sacro Monte non finisce qui. «Torneremo ancora a raccogliere l’immondizia abbandonata da qualche maleducato, finché non avremo ripulito bene l’area».


© RIPRODUZIONE RISERVATA