Aspiranti professori in cerca di una cattedra. Ora i crediti si prendono anche all’Insubria

Aspiranti professori in cerca di una cattedra. Ora i crediti si prendono anche all’Insubria

Dal 1° dicembre via ai corsi obbligatori per accedere al concorso per insegnare alle medie e alle superiori

Una bella notizia per gli aspiranti professori della nostra provincia: da oggi conseguire l’abilitazione all’insegnamento sarà un’impresa completamente alla portata del nostro territorio.

L’Università dell’Insubria, infatti, aprirà il 1° dicembre 2017 le iscrizioni ai corsi per acquisire i 24 crediti che il Ministero dell’Università e della Ricerca ha indicato come obbligatori per l’accesso al concorso a cattedra 2018 che permetterà di diventare docenti della scuola secondaria di primo e secondo grado. Con decreto emanato il 10 agosto 2017, il Miur ha stabilito che per accedere al suddetto concorso sarà necessario acquisire 24 Cfu (Crediti Formativi Universitari) in discipline antropo–psico–pedagogiche e in metodologie e tecnologie didattiche.

Il concorso selezionerà poi i candidati per il percorso Fit (Formazione Iniziale e Tirocinio) retruibuito, che i vincitori dovranno fare in una scuola: la qualifica di insegnante verrà assegnata al termine di questo periodo di apprendistato. Una vera e propria rivoluzione per tutti coloro che vogliono intraprendere la strada dell’insegnamento alle medie o alle superiori e che aspirano al ruolo.

«Il corso, che mira all’acquisizione dei 24 crediti – spiega la professoressa dell’Insubria Michela Prest – consta di 36 ore per ogni ambito (antropologico/ psicologico/pedagogico/metodologico), ossia 6 ore per ogni credito, e partirà a febbraio 2018 per concludersi nel secondo semestre, con due sessioni di esami a giugno e luglio. Potrà accedervi chiunque abbia già acquisito una laurea e voglia diventare docente di ruolo; quindi è rivolto anche a coloro che sono già impegnati nelle supplenze scolastiche. Potranno iscriversi gratuitamente i dottorandi e gli assegnisti della nostra università e i nostri studenti, mentre tutti gli altri pagheranno una retta di 480 euro più il bollo da 16 euro regionale, come da decisione unanime delle università lombarde».

I corsi si terranno in teledidattica tra le due sedi di Como e Varese, una formula ormai consolidata all’Insubria: indipendentemente da dove il docente sarà fisicamente, ci sarà la possibilità di seguirlo in videoconferenza. Alla fine del percorso formativo si dovranno sostenere quattro esami.

A breve sul sito web dell’Ateneo saranno pubblicati il regolamento e le procedure amministrative per l’iscrizione e per l’eventuale richiesta di riconoscimento di crediti formativi già acquisiti e coerenti con gli obiettivi formativi indicati dal Ministero. Ci sarà tempo fino al 15 dicembre per iscriversi».


© RIPRODUZIONE RISERVATA