Ciclovia attorno al Maggiore. Sindaci uniti sul protocollo

Ciclovia attorno al Maggiore. Sindaci uniti sul protocollo

Ieri a Villa Recalcati la firma dei Comuni coinvolti: «Ora possiamo ricercare i finanziamenti»

LAVENO MOMBELLO - Un altro importante tassello per la realizzazione della ciclovia attorno al lago Maggiore, che collegherà Sesto Calende con Laveno Mombello, è stato posto ieri pomeriggio a Villa Recalcati, con la firma del protocollo d’intesa da parte dei sindaci dei Comuni coinvolti, del vicepresidente della Provincia Marco Magrini e da un rappresentante della Camera di Commercio di Varese.

Un passo fondamentale per poter procedere, dopo che il consiglio provinciale aveva approvato il protocollo d’intesa per la redazione del progetto di fattibilità tecnica ed economica della pista ciclopedonale. Un’idea portata avanti tenacemente in particolare dal sindaco di Monvalle Franco Oregioni. «Questo è un importante passaggio per il progetto di ciclovia, anche perché siamo giunti, con il sostegno tecnico della Provincia, ad un vero e proprio progetto, anche se preliminare - commenta Oregioni - con questo passaggio si potrà andare a ricercare i finanziamenti necessari».

La strada provinciale che costeggia il lago Maggiore è in alcuni tratti estremamente pericolosa per i pedoni e i ciclisti; la ciclovia metterebbe in sicurezza il passaggio, oltre a rendere più attrattivo il territorio dal punto di vista turistico. «La mobilità dolce è una delle priorità di Villa Recalcati, poiché lo sviluppo del sistema di piste ciclabili è fondamentale per la crescita sostenibile e turistica del territorio - afferma Magrini - da un lato incentiva l’utilizzo di un mezzo ecosostenibile come la bicicletta, dall’altro i percorsi ciclopedonali sono volano per un settore strategico come quello del turismo».

La Provincia coordinerà il progetto che ha visto l’adesione di tutti i sindaci interessati dal passaggio della pista, che hanno condiviso un obiettivo concreto al di là delle appartenenze politiche. Il prossimo passaggio sarà la redazione dello studio di fattibilità che verrà realizzati dagli uffici della Provincia in collaborazione con i Comuni che contribuiranno anche economicamente ai costi di progettazione.

«Si tratta di un accordo molto importante che darà alla progettazione senso di lavoro di squadra - dichiara Davide Tamborini, consigliere provinciale delegato alla Viabilità - con questo progetto parteciperemo, qualora possibile, a tutti i bandi di finanziamento che contemplano un asse di finanziamento ad hoc». Gli uffici stanno già lavorando a un’ipotesi di tracciato, in collaborazione con i vari uffici tecnici comunali per ponderare le varie criticità, che entro fine anno verrà inviato ai Comuni.


© RIPRODUZIONE RISERVATA