Da Varese al Vaticano l’arte di livello

Da Varese al Vaticano l’arte di livello

Domenica il teatro giapponese farà tappa a Villa Paradeisos. E il primo agosto davanti al Papa

Il teatro giapponese domenica 30 luglio farà tappa a Varese con l’opera “Takayama Ukon - il Re Beato”. Una rappresentazione di alto livello, ideata dalla Società Opera di Tokyo, inedita in Italia e che martedì 1 agosto verrà replicata nella Chiesa del Gesù a Roma, alla presenza di Papa Francesco, per celebrare il 75esimo anniversario dei rapporti diplomatici tra Santa Sede e Giappone.

La tappa varesina del tour teatrale si svolgerà a Villa Paradeisos, vasta location per eventi di via dei Campigli, recentemente rinnovata e scelta non a caso dalla Società Opera di Tokyo per la sua rappresentazione: all’interno del parco di 24mila mq, la villa ospita infatti un grande giardino giapponese, disegnato da un professore di Arte dei Giardini dell’Università di Tokyo e poi realizzato da una equipe interamente nipponica.

L’opera è dedicata alla figura di Takayama Ukon, samurai vissuto tra ‘500 e ‘600, nato da una famiglia cattolica appartenente all’aristocrazia feudale giapponese. Durante la sua vita si dedicò alla diffusione del Vangelo, sopportando le persecuzioni dovute alla sua fede: nel 1614, quando fu proibito il cristianesimo in Giappone, fu infine esiliato nelle Filippine. Takayama per questa testimonianza di fede è stato proclamato beato dalla Chiesa Cattolica il 7 febbraio scorso. Lo spettacolo teatrale vuole lanciare un messaggio di uguaglianza e pace, mostrando come sia possibile la convivenza tra i popoli, pur nelle differenze di religione e cultura, e di quanto sia importante conservare non solo la libertà, ma anche l’orgoglio di coltivare il proprio credo e seguire la propria strada.

L’evento, presentato ieri a Palazzo Estense, è organizzato in collaborazione con le aziende Openjobmetis e iWIZ, con il patrocinio del Consolato Generale del Giappone a Milano e del Comune di Varese. L’ingresso allo spettacolo di domenica, con inizio alle ore 20, è gratuito, ma è necessaria la prenotazione nella sezione eventi del sito internet di Villa Paradeisos. Franco Cremante, proprietario della villa, ha affermato: «La grandissima possibilità di ospitare questo appuntamento imperdibile è arrivata un po’ per caso, ma l’abbiamo colta al volo e ringrazio a tal proposito il mecenatismo del cavalier Rasizza, che ci ha dato una grossa mano. Sono grato alla Società Opera di Tokyo per aver considerato il nostro giardino come una location ideale: il mio intento è rendere Villa Paradeisos non solo un luogo per eventi o matrimoni, ma un vero e proprio ponte tra la nostra cultura e quella orientale, sia dal punto di vista artistico-culturale che da quello imprenditoriale».

Alla presentazione hanno partecipato diversi membri della compagnia teatrale giapponese, tra cui Edward Ishita, direttore artistico e autore del libretto dell’opera, il sindaco Galimberti e gli assessori Cecchi e Strazzi. Galimberti ha dichiarato: «Siamo onorati di ospitare questo importante evento, che rappresenta una grande opportunità per Varese ed è il segno di una città vivace, dove le attività culturali sono numerose e vanno, come in questo caso, anche in direzioni innovative».


© RIPRODUZIONE RISERVATA