Il bio raddoppia. In prodotti e solidarietà
I prodotti dell’azienda agricola vengono acquistati dai dipendenti delle aziende Elmec e Missoni

Il bio raddoppia. In prodotti e solidarietà

L’azienda “I Mirtilli”, attiva nel reinserimento lavorativo dei ragazzi, è sempre più protagonista

VARESE - L’azienda agricola i Mirtilli di Bregazzana – di proprietà del Gulliver, ma gestita dalla cooperativa Homo Faber che si occupa di reinserimento lavorativo – in due anni ha raddoppiato la produzione di frutta e ortaggi. I prodotti agricoli vengono acquistati dai dipendenti delle aziende Elmec e Missoni. «Possiamo vantare un’ottima produzione – conferma il responsabile Giorgio Stabilini – Vendiamo gran parte degli ortaggi che produciamo a gruppi di consumo aziendali, cosa che ci semplifica molto la distribuzione».

Un valore immenso

La produzione, biologica certificata, avviene nel rispetto dell’ambiente, senza ricorrere all’impiego di Ogm, di fertilizzanti e di pesticidi. Quest’anno la quantità di verdura prodotta si avvicina alle 9 tonnellate, per un valore di 28 mila euro. Il significato di questa attività, però, supera il valore economico. «Il nostro obiettivo è dare una possibilità ai ragazzi del Gulliver a reinserirsi nel mondo del lavoro. È gratificante vedere persone che hanno voglia di rimettersi in gioco e che collaborano con entusiasmo» dice Stabilini.

Il lavoro viene organizzato su turni e coinvolge un gran numero di ospiti del Gulliver. Lavorare la terra serve per esercitare pazienza e fatica e consente di vivere in un ambiente sano, rispettando i ritmi della natura; il raggiungimento degli obiettivi è gratificante.

La produzione agricola a Bregazzana si svolge nell’azienda agricola “I mirtilli” e nella casa di cura Redaelli (dove ci sono anche animali). A Bregazzana è stato recentemente attrezzato anche un nuovo laboratorio di trasformazione di frutta e verdura, nel quale vengono prodotti succhi e conserve, come ad esempio quella di zucca e zenzero che è molto richiesta nel periodo natalizio.

Via anche ai corsi ad hoc

Per preparare i ragazzi al lavoro il Gulliver ha organizzato un corso di orticoltura bio, un corso di manutenzione macchine agricole e un nuovo corso di trasformazione dei prodotti agricoli. I ragazzi, frequentando queste lezioni, imparano teoria e pratica e, terminato il percorso formativo, ricevono un diploma riconosciuto dalla Regione che darà loro maggiori opportunità lavorative.

Lavorare la terra è anche una passione e avere qualcosa da fare con impegno è un antidoto contro le dipendenze. Perché, come ha detto don Michele Barban in occasione del Trentesimo del Gulliver, «le dipendenze riguardano tutti coloro che non investono il proprio tempo libero nelle relazioni e nelle passioni». E ancora: «Per noi fare prevenzione significa promuovere tutte quelle occasioni che portano le giovani generazioni a un uso sano del tempo libero. La musica, l’arte, la cultura, la natura, il gioco, il rapporto con i pari: tutti questi possono essere ambiti per stare bene, per fare prevenzione».

Gli ortaggi del Gulliver sono in vendita anche nella sede di via Albani, tutti i martedì dalle 15.45 alle 18. Vi si trovano buonissime verdure, miele e mirtilli congelati per confetture: il tutto a km 0 con il marchio «Orti di Bregazzana».


© RIPRODUZIONE RISERVATA