Torna il Rally dei Laghi 25 anni di storia

Torna il Rally dei Laghi 25 anni di storia

La storia dell’automobilismo sportivo italiano fa di nuovo tappa a Varese. La corsa è stata inserita nella Coppa Italia, circuito nazionale all’interno del quale sono comprese le 15 gare italiane più meritevoli

VARESE - La storia dell’automobilismo sportivo italiano fa di nuovo tappa a Varese.
I prossimi 11, 12 e 13 marzo sono i giorni in cui il Rally dei Laghi spegnerà le sue prime 25 candeline, corsa nata sulle ceneri del Rally Aci Varese, nel novembre del 1991, quando si disputò la prima storica edizione del Rally dei Laghi. Per la cronaca: vinse un equipaggio pavese su Opel Kadett Gsi: Bruciamonti-Calvi.
Quest’anno, ci saranno novità sia per il pubblico che per i piloti. Il Rally dei Laghi è stato infatti inserito nella Coppa Italia, circuito nazionale all’interno del quale sono comprese le 15 gare italiane più meritevoli. Oltre al Rally dei Laghi, che sarà la prima tappa, ci saranno anche prove come il Rally d’Alba, di Cremona, delle valli cuneesi, della Lanterna (entroterra genovese), oppure del Salento, del Gargano. Grazie a questa promozione all’interno del circuito della Coppa Italia, torneremo ad ammirare sedici anni dopo l’ultima volta le World Rally Car (WRC), ossia le vetture che partecipano al Mondiale di Rally. Queste auto mancano dal Rally dei Laghi dal lontano 2000, anno in cui la categoria venne di fatto estromessa dalle gare regionali. La storia lunga 25 anni, e vedrà ai nastri di partenza il grande Giuseppe Freguglia, che ha vinto le ultime tre edizioni della corsa varesina (2013, 2014, 2015) oltre ad aver trionfato su queste strade anche nel 2010. Ci sarà anche l’ex discesista azzurro Giorgio Piantanida, che si presenterà alla corsa varesina con una Subaru Impreza stradale. Dopo aver smesso gli sci, Piantanida ha iniziato a frequentare il mondo delle corse e abitualmente si cimenta nei rally storici al volante di una Porsche 911. Ora, per il rally di casa (lui è di Busto Arsizio) collaborerà con il gruppo organizzatore promuovendo la corsa prima del passaggio delle auto da gara. In fondo alle vetture da rally partirà una piccola carovana di sei vetture stradali che prenderà così parte al Raduno dei Laghi, giunto alla sua seconda edizione dopo il 2015. I concorrenti “sfrutteranno” le strade chiuse per transitare sulle prove della gara senza però l’assillo dei cronometri. Quest’anno, il Rally dei Laghi aggiunge un memorial: nel ricordo di Mauro Saredi, scomparso all’inizio di gennaio, verrà assegnato un trofeo al primo classificato della classe A7. Il Memorial Mauro Saredi si aggiunge dunque al Trofeo Angelo Siccardi-Giuseppe Redaelli (1° assoluto) e al Francesco Ogliari, premio che verrà assegnato al miglior Under 25. Con il salto di qualità dovuto all’ingresso nella Coppa Italia, verranno anche assegnati i trofei monomarca di casa Renault: “Clio R3” e “Twingo R2” di Zona.


© RIPRODUZIONE RISERVATA