Varese torna al Risorgimento. La Città Giardino rievoca i suoi fasti

Varese torna al Risorgimento. La Città Giardino rievoca i suoi fasti

Pronta la serie di eventi che renderà omaggio alla nostra storia

È giunta ai nastri di partenza la Varese Risorgimentale, l’attesa rievocazione storica della Battaglia di Varese del 1859 patrocinata dal Comune e dalla Camera di Commercio di Varese in collaborazione con i Musei Civici di Villa Mirabello diretti da Serena Contini, che si snoderà fra le vie del centro storico, i Giardini Estensi, Villa Mirabello e l’Ippodromo delle Bettole. Nata da una conversazione del sindaco Davide Galimberti e Maurizio Gandini, responsabile di Gandini Activ Group, è stata allestita dall’associazione sportiva Panathlon International Club Varese di Enrico Stocchetti.

Il programma, messo a punto dall’infaticabile Gandini e consultabile sul sito www.varesego.it, prevede un intenso fine settimana di eventi che si snoderanno da domani, venerdì 28, a domenica 30 aprile e che riporteranno in vita le giornate cruciali del Risorgimento varesino sulla falsariga del volume “Varese Risorgimentale” scritto ed illustrato da Dario Cardenia per i 150 anni dell’Unità d’Italia. A preannunciare le sfilate in costumi d’epoca appaltate all’associazione culturale “Carosello Storico Tre Leoni”, le sagome ad altezza naturale realizzate dal Liceo Artistico “Frattini” ispirate ai fumetti di Cardenia e posizionate in piazza Monte Grappa nei pressi dell’History Infopoint, dove potrà essere ritirato il pass per partecipare agli eventi (così come presso i punti vendita Tigros) e ci si potrà arruolare simbolicamente nei Cacciatori delle Alpi. Fra le partnership, il gruppo Facebook “La Varese Nascosta” (rubrica di Giuseppe Terziroli) e Mauro della Porta Raffo; da sottolineare la presenza dei corpi militari cittadini nella loro attualità ma anche come cortei di figuranti in divisa storica. Sfileranno così le sezioni varesine degli Alpini, i Vigili del Fuoco, i Carabinieri, la Guardia di Finanza, la Marina, l’Aeronautica, la CRI e i Paracadutisti. La manifestazione prenderà avvio all’Ippodromo venerdì 28 alle ore 18:00 con il Concerto dell’Orchestra Giovanile Studentesca diretto da Lucia De Giorgi, che aprirà la festa danzante: all’interno delle Bettole saranno presenti diversi stand gastronomici e la birreria, allestiti dall’oratorio di Biumo, gli Alpini e i Tencitt. Sabato, nelle vie del centro storico verrà allestito dalle 8:00 un mercato tematico; il corteo in costume partirà invece alle 15:00 ai Giardini Estensi dopo il saluto delle Autorità e il concerto verdiano di apertura dell’Orchestra Giovanile Studentesca e raggiungerà i Musei Civici di Villa Mirabello, dove per l’intera manifestazione sarà proiettato uno spettacolo permanente sul Risorgimento varesino. La sfilata raggiungerà poi Piazza Monte Grappa e alle 16:00 sosterà sotto il campanile del Bernascone. Passato l’Arco Mera, arriverà alle 16:15 in corso Matteotti e passerà per Piazza del Podestà, Piazza Carducci e Vicolo San Martino; arrivato in Piazza Cacciatori delle Alpi, il corteo si scioglierà per trasferirsi all’Ippodromo per l’accampamento delle truppe: qui dalle 17 sino alle due di notte sarà festa grande con balli in costume, falò e stand gastronomici: in contemporanea, alle 21 è previsto il gran ballo in costume ottocentesco presso il Salone Estense. Domenica 30 aprile dalle 8 arriveranno le bancarelle all’Ippodromo; alle 10.45, dopo l’Alzabandiera delle 10.30, i reparti schierati saranno salutati dalla Banda Nazionale di Confienza; alle ore 11 Messa da Campo, mentre dalle ore 12:00 torneranno gli stand gastronomici; alle 14:30 si replica con la Banda di Confienza, alle 15:15 ci sarà la sfilata dei gruppi militari e lo schieramento reparti; alle 15:30 il saluto delle Autorità, a cui seguirà alle 16:00 la rievocazione della battaglia di Biumo. La manifestazione si concluderà alle 18:00 con l’ammaina bandiera.


© RIPRODUZIONE RISERVATA