«Grazie per ricordarvi sempre di noi». Gli Armeni d’Italia scrivono al sindaco
Con il presidente del consiglio regionale Cattaneo davanti al melograno

«Grazie per ricordarvi sempre di noi». Gli Armeni d’Italia scrivono al sindaco

Travedona Monate - La missiva del presidente Sivazliyan a Colombo per le iniziative sempre vive in memoria del Genocidio

Una lettera piena di gratitudine nei confronti del Comune di Travedona Monate, delle scuole del paese, degli studenti e degli insegnanti, per l’impegno a non dimenticare mai la tragedia del Genocidio del Popolo Armeno all’inizio del ventesimo secolo. A scrivere una missiva al sindaco Andrea Colombo è stato il professor Baykar Sivazliyan,dell’Università degli Studi di Milano, nonché presidente emerito dell’Unione degli Armeni d’Italia.

Radici piantate a terra

L’associazione ha iniziato da qualche anno un progetto di informazione e diffusione sul territorio comunale di Travedona Monate, concernente la questione armena in generale e del genocidio del popolo armeno in particolare. Un impegno che il paese che si affaccia sul lago di Monate sta portando avanti con grande costanza e tenacia; una targa nel parco del municipio travedonese ricorda la tragedia del Genocidio e un albero di melograno è stato piantato per mantenere sempre viva la memoria.

«Oggi, dopo anni, siamo veramente soddisfatti che la via culturale si è dimostrata vincente - si legge nella lettera - contro l’odio e il rifiuto del diverso. Purtroppo, lo Stato turco di oggi, con i suoi maldestri atti, ci fa capire ancora una volta che non è in grado di instaurare un dialogo costruttivo per le vie della verità».

Impegno costante

Un compito che nel suo piccolo, si è assunta anche Travedona Monate; lo scorso 24 aprile. Il sindaco ha deposto un mazzo di fiori sotto la targa affissa nel parco. L’impegno messo in campo dal Comune è stato molto apprezzato dagli armeni d’Italia, anche per il coinvolgimento delle scuole del paese.

«Sono stato informato - prosegue il professor Sivazliyan - che l’amministrazione comunale di Travedona Monate ha allargato questo dialogo e diffusione delle informazioni, alle scuole; credo che sia la cosa migliore, preparare le nuove generazioni alla verità e alla consapevolezza della giustizia, perché siamo certi che senza l’incoronamento della verità, in nessuna parte del mondo ci sarà una vera giustizia».

La missiva indirizzata a Colombo, si chiude con i ringraziamenti per la «sensibilità dimostrata dal sindaco e per il suo incessante lavoro». Ringraziamenti indicati da estendere anche agli studenti e agli insegnanti delle scuole di Travedona Monate.


© RIPRODUZIONE RISERVATA