Il sorriso contro la malattia. L’Alzheimer Fest stravince
Si parte oggi alle 9 con la messa al lido, poi la camminata sul lago e musica

Il sorriso contro la malattia. L’Alzheimer Fest stravince

Grande successo per l’evento che si chiuderà oggi

GAVIRATE - Prosegue e si conclude oggi a Gavirate, nonostante il brutto tempo di ieri, una della manifestazioni più singolari organizzate nel Varesotto quest’anno, ovvero l’Alzheimer Fest, la festa nazionale dell’Alzheimer.

Per vivere questa malattia in modo diverso, pazienti e i loro famigliari, oltre a tanti semplici cittadini, venerdì e ieri hanno affollato il lungolago, il Chiostro di Voltorre e il centro del paese, nei tantissimi eventi che gli organizzatori hanno voluto proporre al pubblico. Ieri pomeriggio a salire sul palco è stato l’irresistibile Paolo Hendel, comico toscano che ha raccontato a modo suo Italo Calvino, senza dimenticare le opere d’arte di Maurizio Cattelan poste sul lungolago.

L’Alzheimer Fest è però soprattutto un festa delle persone, dove nessuno è escluso; non è un caso che gli organizzatori, tra cui il giornalista del Corriere della Sera, partner dell’evento, Michele Farina, abbiano scelto Gavirate come location per ambientare la manifestazione che potrebbe diventare un appuntamento annuale fisso. La cittadina è sicuramente bella e attrattiva, con il suo lungolago, il Chiostro e il tanto verde, ma soprattutto è una realtà viva, dove esiste da qualche anno il progetto Rughe, nato dall’unità d’intenti di diverse realtà associative gaviratesi, con l’obiettivo di aiutare i malati di Alzheimer e di demenza senile e le loro famiglie.

«Perché le persone con l’Alzheimer o con un’altra forma di demenza continuano a essere persone - sottolineano gli organizzatori della festa - un esercito di persone; oltre un milione di malati, tre milioni di famigliari solo in Italia. Con tanta angoscia, ma anche con tanta voglia di vivere, gioire, staccare dalla routine e perché no andare a una festa».

Persone vive insomma anche se magari confinate in una casa di riposo; “chi non c’è, c’è” è l’azzeccato slogan dell’Alzheimer Fest e all’appello stanno rispondendo centinaia di persone in arrivo da un po’ tutta Italia.

La festa prosegue oggi con una serie di appuntamenti tra cui la messa alle 9 al lido con il missionario comboniano Giulio Albanese, una camminata sul lungolago e la musica della Badante Band. Poi laboratorio di panificazione, racconti creativi, il tango e le poesie “Alzheimer d’amore” e la preparazione di antiche ricette.

A pranzo risottata con la Pro Loco e poi il teatro, il caffè e la firma della Carta di Gavirate che contiene principi da attuare a tutela dei malati di Alzheimer e poi le opere dello scultore non vedente Felice Tagliaferri. Prima del finale a sorpresa, la premiazione della vetrina a tema più bella dei commercianti gaviratesi.


© RIPRODUZIONE RISERVATA