La gita si trasforma in tragedia. Centauro muore sulla Lacuale
I mezzi incidentati sul ciglio di via Casamora: la dinamica è ancora incerta

La gita si trasforma in tragedia. Centauro muore sulla Lacuale

Emilio Botta, 63 anni di Lurate Caccivio, ha centrato un’auto in sosta

SCHIANTO FATALE - Drammatico incidente in moto ieri pomeriggio lungo la Lacuale a Porto Ceresio. Ha perso la vita Emilio Botta, 63 anni di Lurate Caccivio. Insieme alla moglie stava viaggiando in sella a una motocicletta quando per motivi ancora in fase di accertamento, ha perso il controllo del mezzo schiantandosi contro una macchina parcheggiata a margine della carreggiata.

Le condizioni dell’uomo si sono subito rivelate critiche, tanto che nel giro di poco tempo è deceduto. La moglie, invece, si trova ricoverata in condizioni gravi all’ospedale di Circolo di Varese, ma non sarebbe in pericolo di vita anche se al momento la prognosi resta riservata.

Grave la moglie

Il gravissimo incidente è avvenuto ieri pomeriggio intorno alle 15.30. I due coniugi di Lurate stavano trascorrendo qualche ora di relax in motocicletta attorno al Lago Maggiore. Quella che doveva essere una tranquilla giornata di fine estate si è trasformata in un dramma.

Le cause del terribile botto non sono ancora state definite. Stando alle prime informazioni, la motocicletta in fase di sorpasso potrebbe aver sfiorato all’altezza di via Casamora una macchina perdendo poi il controllo. A quel punto il motociclista non è stato più in grado di mantenere il mezzo in carreggiata, tanto che la corsa della moto si è spenta contro la macchina in sosta. Il botto è stato violentissimo. I due coniugi sono stati sbalzati dalla moto finendo sull’asfalto. Nell’urto entrambi hanno riportato gravi lesioni, ma le condizioni più gravi sono risultate essere quelle del marito che infatti è deceduto di lì a poco.

Soccorsi inutili

Vista la gravità della sua situazione, si è sollevato in volo l’elisoccorso da Como. I paramedici gli hanno subito prestato le prime cure per poi trasferirlo all’ospedale Sant’Anna di Como dove è spirato. La moglie, invece, è stato trasportata in ospedale a Varese dove si trova tuttora ricoverata in condizioni gravi nel reparto di Rianimazione: dall’ospedale filtra un cauto ottimismo, ma al momento la prognosi non è stata ancora sciolta.

Sul luogo dell’incidente sono intervenuti anche gli agenti della polizia stradale e i vigili del fuoco del Comando Provinciale di Varese. I pompieri hanno messo in sicurezza la carreggiata rimuovendo i mezzi coinvolti nello schianto, dando anche la loro assistenza nelle operazioni di soccorso dei feriti. Gli agenti della Stradale hanno effettuato i rilievi tecnici e fotografici per chiarire con esattezza come si sono sviluppati i fatti.


© RIPRODUZIONE RISERVATA