Giro di vite dei carabinieri in via Morosini. Otto denunce, un arresto e 60 controlli

Giro di vite dei carabinieri in via Morosini. Otto denunce, un arresto e 60 controlli

Il vicesindaco di Varese Zanzi annuncia il nuovo strumento del Daspo per allontanare dalla città i violenti

VARESE - Due risse in una settimana: super controlli dei carabinieri on via Morosini. In tutto otto denunce, un arresto, 60 persone controllate e la,promessa del vicesindaco e assessore alla Sicurezza Daniele Zanzi: «via i violenti da Varese. Dal primo luglio Daspo per tutti coloro che si rendono protagonisti di fatti simili».

L’ultima rissa è avvenuta sabato notte. Circa 15 minuti dopo la mezzanotte tra sabato e domenica. Una decina di persone stando ai testimoni si sono affrontate con bottigliate e coltellate. Quando gli uomini della polizia di Stato sono arrivati in posto il fuggi fuggi era terminato. Sull’asfalto c’era soltanto un marocchino di 41 anni con ferite da arma da taglio. Non era in pericolo di vita. Sarà ascoltato nelle prossime ore per accertare l’accaduto. Lunedì scorso in dieci si erano affrontati sempre in via Morosini con coltelli e tirapugni per una ragazza. Erano italiani. I carabinieri domenica dalle 17 di domenica hanno eseguito dei controlli in tutta la zona. Da via Morosini sino alla zona delle stazioni. Identificando 60 persone, in particolare stranieri. Il fatto aiuta le forze di polizia ad avere un quadro della situazione. A sapere chi bazzica la zona. Sono 7 le persone denunciate per guida in stato d’ebbrezza. Tre donne e quattro uomini, durante i controlli. Un’ottava persona è stata arrestata su ordinanza del tribunale. Per droga, a Besozzo, c’è stato anche un’ottava denuncia: un automobilista non si è fermato all’alt ma, tallonato dalla “gazzella” dei carabinieri che si è subito lanciata all’inseguimento, è stato poi costretto ad abbandonare l’auto e a fuggire nei boschi. L’episodio è avvenuto la sera di domenica.

Il conducente è stato comunque denunciato perché i militari della Stazione locale lo hanno riconosciuto, anche sulla scorta dei suoi numerosi precedenti. Si tratta di un marocchino di 33 anni, che ora dovrà rispondere del reato di detenzione di stupefacenti a fini di spaccio: nell’abitacolo dell’utilitaria abbandonata sono stati trovati circa 500 grammi di hashish già suddivisa in dosi. Via Morosini sarà sorvegliata speciale durante tutta la settimana. E Zanzi sottolinea: «Da inizio luglio è entrato in vigore il nuovo regolamento di polizia locale che ci consentirà di allontanare per un periodo prolungato chi si rende protagonista di questi o altri fatti contrari alle norme. Avremo uno strumento in più, uno strumento che ci auguriamo possa essere preventivo. È una sorta di Daspo: i violenti fuori da Varese. E poi continueremo a fare quello che già stiamo facendo: gli agenti di polizia locale hanno dimostrato tempestività, professionalità ed efficacia risolvendo la situazione. E in generale tutte le forze di polizia svolgono un ottimo lavoro».

© RIPRODUZIONE RISERVATA